Recensione 5×08- Coda/Conclusione

Non so a voi, ma a me questa prima metà di stagione è volata. Ad alcuni non sarà piaciuta, ne sono assolutamente certa, ma io fino alla fine sono riuscita a trovare la bellezza in ogni episodio, anche in quello che mi ha entusiasmato di meno. Ho cercato di non leggere spoiler fino ad oggi e ne sono contenta. Non sapere nulla cambia la prospettiva di tutto il telefilm, senza avere così grosse pretese. Io stessa, nonostante ciò, avevo capito a chi sarebbe toccata la cattiva sorte. E’ stata una morte sicuramente prevedibile, intuibile più volte dai vari dialoghi nelle puntate precedenti, e addirittura nello svolgimento della 5×08 prima del suo compimento. Perché mi sono emozionata allora? Perché è stato comunque tutto imprevedibile? Perché questo è The Walking Dead, tutto viene trasmesso con un’umanità inimmaginabile e toccante. Rick ormai si è trasformato in un’arma letale, brutale. Un personaggio che si è dimostrato cazzuto fino alla fine e che sicuramente molti di voi avranno adorato in questo episodio. Anch’io ovviamente non ho potuto non farmi ammaliare dal suo fascino, come si fa a resistergli?

Quello che inizialmente doveva essere uno scambio alla pari, si trasforma come sempre in una carneficina. Non che siano morte molte persone, però lo scenario che i produttori ritraggono in questo episodio è certamente cruento. E’ stato un mid-season ben calibrato tra azione e dialogo, tra verità e vendetta, condito infine da parallelismi incredibili e momenti toccanti. Cominciano però dal principio. Sasha è stata stupida e lo ammette anche: si è fidata del Bob sbagliato. Lei e il fratello si confidano di essere inutili: Ty ammette di non aver ucciso l’uomo che ha quasi ferito Judith e lei che fa? Nulla. Ora, ma hai capito o no che Bob è praticamente morto per questo? Non volevi uccidere chiunque per vendicarti della sua morte? Alcune botte in testa rendono certi personaggi ancor più bambi. Sì, tranquilli. Ho capito che Sasha al momento è debole e sta cercando di ritrovare se stessa, però le farebbe bene un po’ di lucidità ecco. Gabriel è un altro i quei personaggi allucinanti con poco sale in zucca. Come avevo previsto ci mette cinque minuti per tornare sui suoi passi, i codardi tornano sempre a casa, anche con un chiodo nel piede stile Cristo.

Comunque, lui con la sua intelligenza disarmante che fa? Guida gli zombie dritti alla chiesa. Va bene che lì ci sono quel bulletto di ‘Coorl’ e la Regina della Katana, però suvvia, ma come pensi? Grazie al cielo ci sono scene che richiamano il favoloso Pilot con le mani che escono dalla porta, oltre a personaggi ben più utili di lui. Alla chiesa a tal proposito ritornano i nostri Abraham, Maggie, Glenn, Rosita, Tara e Eugene. Michonne infonde una speranza a Maggie su Beth, e qui avviene il primo riferimento alla sua morte scontata. Maggie, cara Maggie.. ma sei seria? Dopo tutto questo tempo ti metti a piangere ricordandoti di avere una sorella? Credetemi, io adoro il suo personaggio. E’ sempre disposta a sporcarsi le mani, è cazzuta quando vuole, ma quando si tratta di valori affettivi? Mi ha fatto pena, sono sincera! Devo giustificarla perché credeva sua sorella morta? Daryl non ha mai smesso di sperare, anche quando la biondina gli è stata portata via da una macchina in fuga.

Perché lei non ha fatto lo stesso? Non la vede dalla prigione e non la vedrà nemmeno per l’ultima volta.. qui gli autori sono stati un pochetto crudeli! Tutta la situazione mi ha però ricordato amaramente la morte di Hershel e questo mi ha rattristato. Quello che avviene al Grady Memorial richiama fortemente il mid-season della scorsa stagione, a partire dagli sguardi dei nostri sopravvissuti. La morte di Beth è stata si scontata, ma dannatamente cruda e toccante. Non ho mai amato particolarmente il suo personaggio, né tantomeno mi mancheranno le sue canzonette del cavolo, ma c’è stato qualcosa che ha fatto scattare in me gli occhietti lucidi. La reazione di Daryl in primis, che non si sofferma nemmeno un momento a piantare un colpo in testa a Dawn (alla faccia di chi diceva che si stava rammollendo). Questa poliziotta è stata un personaggio contorto fin da subito, ma non credevo fino a questo punto. Usare Beth per i suoi scopi, solamente perché non voleva ripetere l’errore che aveva commesso in passato: uccidere Hanson, il precedente capo dell’ospedale degli orrori. Ha macchiato di sangue le mani di Beth, per poi ricadere sull’errore che non voleva rivivere.

Inizialmente ci fa credere che vede Beth come la sua spalla, la sua alleata, tant’è che si salvano a vicenda durante l’episodio, ma il suo era un piano più grande e quando Beth lo capisce non può far finta di niente. Non poteva andarsene, non poteva lasciare ancora una volta Noah nelle mani di quella psicopatica. Non è più debole, la biondina ha tirato fuori le palle proprio nel momento della morte. Giusto? Sbagliato? Non importa, perché è così che doveva andare. Le reazioni alla sua morte sono state un colpo al cuore, così come il nostro Daryl che la prende in braccio come una volta, portandola fuori da quello che è stato per lei un incubo. Non c’è lieto fine, non c’è un ricongiungimento tra sorelle che non si sono cagate per una stagione. Ci sono solo le loro e le nostre lacrime. Aspetteremo tristemente Febbraio, perché è raro che uno show riesca a trasmettere tanto anche con un personaggio così poco amato. Non mi sono dimenticata di Morgan, però ho visto il suo ritorno in questa puntata inadatto. Mi piace molto il suo personaggio, però metterlo dopo la fine delle puntate mi mette una certa frustrazione. Da una parte non vedo l’ora però che incontri Rick, chissà quando rincontrerà la sua strada. In ogni caso la 5×08 è stato un mid-season che ha saputo calibrare bene tutte le emozioni, anche se ha lasciato ad alcuni personaggi un ruolo troppo marginale.

Irene Carboni – Voto 9 meno – Per leggere altri miei articoli visita Telefilm & Libri

9,907 Visite totali, 4 visite odierne

Precedente IL CREATORE DI THE WALKING DEAD CONFESSA IL PIU' GRANDE ERRORE DELLA SERIE Successivo Titolo spin off e primi ingressi

94 commenti su “Recensione 5×08- Coda/Conclusione

  1. Claudio Savoldi il said:

    Mid-season finale semplicemente atroce. Quella di Beth è stata una delle morti più insensate e con minor pathos nella storia della serialità. Il problema di TWD è che ci troviamo davanti ad un circolo senza fine. Possiamo aggiungere nuovi personaggi, ucciderne altri, togliere una fattoria e mettere una prigione, togliere un governatore guercio e mettere un cannibale, eppure il giochino è sempre questo: i protagonisti arrivano in un posto – credono che chi ci vive è un buono – non lo è – battaglia all’ultimo sangue – morte random – il gruppo si divide – introspezione su come si è diventati, caccia o sarai cacciato, moralità a muzzo di cane – ritrovo del gruppo e ricomincia il giro. Adesso che vagheranno senza meta cosa troveranno? Un’ IperCoop abbandonata? Un Brico Center dove rifugiarsi? Finchè non si aprirà uno spiraglio evolutivo (la ricerca di un vaccino in primis, non l’ennesima finta speranza o attori cane come il tizio che interpreta Eugene) la trama non può progredire: quando Rick sarà vecchio o morto ci sarà Carl, poi il figlio di Carl, poi ci ritroveremo Judith, poi il figlio di Judith, continuando all’infinito. Ormai tutte le stagioni ci propinano puntate riempitive con una ricerca introspettiva da seconda media: la realtà è che gli unici personaggi con le capacità teatrali ed una vera difficoltà morale ed etica che bucava lo schermo erano Dale e Shane. Dopo di loro, il vuoto cosmico. Il problema forse allora sta nella stessa AMC, conscia di avere tra le mani una gallina dalle uova talmente dorate che se anche il tuorlo è marcio, a loro poco importa. Che senso ha sedersi al tavolo della sceneggiatura e spremersi le meningi con dialoghi veramente profondi quando bastano 10 minuti di Daryl che uccide uno scoiattolo per fare audience? Idem il fumetto di Kirkman, camionate di inchiostro per una storia infinita: ha ragione il buon George Romero quando dice che TWD è una soap opera con gli zombie ed è felice di non far parte del progetto. Una possibile soluzione per alzare l’asticella della qualità della serie? Stagioni da 8/10 puntate al massimo e uno scopo o un punto di sviluppo alla storia. Altrimenti lo schemino proposto prima ci porterà tra 15 stagioni ancora qua, a raccontarci la solita storia e leggere solo commenti entusiasti da parte di una fan-base che sta diventando a livello di quella di Cento Vetrine.

  2. ariel il said:

    e mi devo rivedè le puntate allora,mi son persa quando lo dicono O.o…..io lo spero sul prete,senno per me può crepare anche subito,ha fatto più danni lui di carl-andrea-lori messi insieme…….

  3. AR il said:

    anch´io all´inizio pensavo che Sasha se la sarebbe dovuta prendere con Ty, perché il tizio che non aveva ucciso ha causato la morte di Bob.. in realta´ Bob sarebbe morto comunque perche´ era stato morso prima di essere catturato.. al limite sarebbe morto con entrambe le gambe..

  4. renxs bonave il said:

    beth nella serie rappresenta le poche e uniche qualità umane che in molti sono quasi scomparse o indebolite dopo l’epidemia e ci insegna che c’è ancora qualcuno di umano

  5. Nick Grimes il said:

    Cosa intendi per “ospedale ben strutturato”?

  6. clod il said:

    Veramente io non mi aspettavo la morte di Beth… non sonda cosa lo si capiva. Mi aspettavo si una carneficina durante lo scambio, quello era inevitabile ma la morte di Beth no. Ad ogni modo forse hai ragione tu, forse no, so solo che quando ho visto la testa di Beth saltare sono saltato anch’io dalla sedia, perché non me lo aspettavo. Sinceramente pensavo finisse in una sparatoria all’ultimo sangue, ma forse è meglio così. La morte di Beth secondo me ha un significato profondo. Muore l’ultima persona Buona rimasta in questo gruppo devastato dalla disperazione.

  7. Nick Grimes il said:

    Claudio mi trovi perfettamente in linea con il tuo pensiero. Atroce è la trama di questa quinta stagione, non solo il finale di mezzo, con tali palesi forzature ideate per mandare avanti ciò che ormai è diventato un prodotto mediocre.

    The Walking Dead è stato davvero coinvolgente fino alla fine della seconda stagione, quando la storia si svolgeva in modo veramente originale e si concentrava su personaggi più complessi. Mi viene in mente la puntata in cui Shane e Rick litigano sulle questioni della famiglia del secondo e della sorte di Randall, con zombie letali sempre in agguato, non marginalizzati e innocui come in quest’ultima stagione. Allora la trama era avvincente, capace di suscitare interesse ed apprezzamento complessivo per lo show, a differenza di quella curiosità, ormai morente, derivante dall’abusato cliffhanger, che mi fa seguire gli episodi successivi.

    Ora abbiamo una serie il cui imperativo è dettato da mere considerazioni commerciali, consistenti nel fare audience a qualsiasi costo e tirare avanti il più possibile!

    La storia deve subire uno shock, uno sviluppo importante, e non il solito ciclo banale da te ben illustrato.

  8. clod il said:

    E per inciso io ho adorato questa seria fin dalla prima puntata è continuerò ad adorarlo. Questo episodio ci voleva e secondo me la morte di Beth come ho già detto ha significato molto, una lacerazione profonda del gruppo. Cmq metto TWD insieme a Breaking Bad e Homeland tra le mie serie preferite, Breaking Bad al primo posto e Homeland al secondo…

  9. L'oste il said:

    Sinceramente penso che questo mid-season finale sia stato il migliore dopo quello dello scorso anno e non credo che addirittura per 26 minuti abbia predominato la noia noia noia…In fin dei conti c’è un ulteriore sviluppo del rapporto tra Dawn e Beth(che porta alla decisione della biondina di afforbiciare la poliziotta), finalmente Gabriel capisce cosa significhi vivere realmente un’apocalisse zombie(cosa che essendo rintanato nella sua chiesetta, non aveva ancora realizzato), Michonne si è rivista con la spada sguainata ad affettare Vaganti, Abraham e Co. fanno un’entrata spettacolare con l’autopompa che “sgradina” la chiesa(e non credo di essere stato l’unico ad aver avuto un sussulto euforico alla loro entrata), il nostro Rickassassin si vede di nuovo negare il piano ‘ammazzatuttieliberaledonzelle’ da Daryl e deve riacciuffare la sua umanità per la barba(ormai più lunga dei capelli). Credo che la puntata sia stata molto scorrevole e abbia finalmente chiuso un capitolo un po’ troppo ingarbugliato della vita dei nostri sopravvissuti preferiti. La morte di Beth è bella così com’è stata, perchè nel mondo di TWD non sono solo i Vaganti o Rick ad ucciderti…c’è l’imprudenza(vedi Dale o Amy), la stupidità(vedi Andrea o Lamson), l’imperizia(vedi Sophia o Beth). Tanti fattori. Una sola cosa non mi ha convinto: la chiacchierata tra Tyreese e Sasha. Non so se è un pensiero comune, ma penso sia arrivato il momento di far fare loro come Baglioni…soprattutto Tyreese. Non ha nulla a che fare col Tyreese fumettistico. Insulso da quando hanno fatto fuori Karen. Ultima cosa su Morgan: è un gran bel personaggio fuori di testa(basti pensare a come aveva fortificato da solo l’isolato di casa Grimes), Lenny James è un bravo attore e penso che Kirkman abbia in mente cose più consistenti per lui, rispetto alla controparte fumettara(sembra il Tyreese dello show).

  10. L'oste il said:

    Mmmmhh… sembra il commento di uno a cui la AMC ha rifiutato la sceneggiatura di TWD…se lo show non ti soddisfa, se pensi che sia ripetitivo, che la storia non progredirà, che la quasi totalità degli attori non sono all’altezza, che la casa di produzione stia cavalcando l’onda del successo e basta, che è diventato solo una soap con zombie(Cento Vaganti ti piace come titolo?)… ma perchè continui a seguire la serie? Forse dovrebbero invece seguire i tuoi preziosi consigli(eufemismo) per non ridurre lo show a una fetenzia. Ed un’ultima cosa: dalle tue parole si evince che non segui il fumetto(come forse non farà il “buon” Romero); quindi credo non sia onesto sparlarne, visto che è uno dei comic più venduti ed esaltati(in tutto il mondo), è ben scritto, ben strutturato, copertine che da sole valgono il prezzo dell’albo, ha disegni cupi che richiamano il mondo in cui vivono i sopravvissuti e che ti coinvolgono in un clima di terrore-tensione e racconta una storia veramente originale(caro il buon volpone Romero che rosica perchè non è venuta a lui un’idea simile, dopo tutti i film su zombie e mostri che ha sfornato). 😉

  11. LaFenice il said:

    Sono d’accordo la serie secondo me ha più coerenza adesso come trama e svolgimenti. La morte di Beth è l’unica vera forzatura di trama. Sarà perché non lo accetto. Per il resto molto meglio ora, la 3 con il governatore non mi ha entusiasmato per niente. La 1 rimane alla storia perché aveva la forza del tutto nuovo… E questa resterà secondo me indelebile perché come diceva Ariel credo ci saranno risvolti interessanti che renderanno le puntate più tese. Senza meta e senza cura… Che fare? A parte farsi crescere la barba?!

  12. LaFenice il said:

    Potrebbe essere, ma ho come la sensazione che Noah sia rimasto solo al mondo… Di sicuro proveranno a raggiungere i suoi parenti.

  13. nosense il said:

    secondo me per misurare il tempo si può far caso a poche cose.
    i nostri entrano a terminus, prima di venir catturati si sparano molti colpi, questi attirano gli zombi.
    a terminus usano un trucchetto: si portano, in 4/5 direzioni diverse e sparano fuochi d’artificio cosi da disorientare i vaganti (attirati dal rumore) è li che carol e tyreese trovano uno di loro.
    risultato sembra essere lo stesso giorno, al massimo uno dopo.
    a questo punto mega esplosione carolramba e tutti liberi, si fugge, sembra che già la seconda notte di giringiro per i boschi venga rapito bob e lo scontro finale coi cannibali avviene subito dopo, la stessa notte carol e daryl “partono” per atlanta dove passeranno giusto quella notte, carol poi viene rapita e daryl torna alla chiesa con un furgoncino e ci arriva di notte che sembra proprio la notte dopo la strage dei cannibali, il giorno dopo partano subito per atlanta e li non si è mai vista il buio quindi sembra avvenire tutto in giornata.
    riassumendo ipotizzo:
    giorno 1
    nel pomeriggio bob viene morso, viene rapito la sera presto ed usato per cena, rilasciato alla chiesa subito dopo, e sempre quella notte scontro finale,
    la stessa sera carol e darryl partono per atlanta e ci dormono
    abram è ancora col gruppo
    giorno 2
    rick rimane alla chiesa e muore bob, compatibile con la morte entro 24H dal morso di uno zombie
    abram parte
    e daryl e carol passano la giornata ad atlanta fino al rapimento dell’eroina
    alla sera daryl torna alla chiesa e spiega la situazione agli altri che preparano un piano per il giorno dopo, dormono in chiesa
    abram passa la notte in biblioteca, avendo perso subito lo scuolabus
    giorno 3
    rick parte per atlanta e tutto si svolge in giornata
    cooorl rimane alla chiesa, il prete scappa e fa casino e si ritrovano alla fuori da essa che si è riempita di zombi
    abram trova l’autobotte, scopre la balla e si inginocchia, vanno a pesca e decino di tornare alla chiesa, presumibilmente primo pomeriggio, si riuniscono con coorl e partono per atlanta, li tutto il gruppo è di nuovo insieme.

    se ci metto una notte nel vagone A e un paio di fuga da terminus ipotizzo una settima circa.
    trovate incoerenze nella mia ricostruzione temporale?

  14. Barbino il said:

    Si ripropone la solita solfa, 30 minuti di nulla (ah no, scusate, il nulla per voi è introspezione e stendiamo un velo pietoso sul discorso tra Dawn ed il suo amico) e 10 minuti di contentino in cui, essendo arrivati al mid-season, devono far morire qualcuno, ed in modo talmente stupido da renderla ridicolo, così da dare alla puntata quel tocco in più di tristezza che non guasta mai.
    Note positive: è finita la storia dell’ospedale e dei suoi abitanti, la storia cambierà ed è morto un personaggio che non si era ca**to nessuno fino a 2-3 puntate fa.

    Continuo a sperare…

  15. Claudio Savoldi il said:

    Scusate tanto, ma quando sento parlare di “approfondimento” abbinato a TWD mi tremano i polsi. “Approfondimento” (delle storyline, della trama, degli sviluppi futuri, dei personaggi, della moralità ecc) lo fanno True Detective e Breaking Bad. TWD è puro intrattenimento e chi prova a cercarci “l’approfondimento” forse ha un metro di paragone con Verissimo e Domenica IN.

  16. Claudio Savoldi il said:

    Caro “L’oste”, innazitutto grazie per la risposta, anche tu come me ci metti passione e sopratutto non sei uno di quelli che violentano la grammatica ogni volta che scrivono. Apprezzo sempre il confronto, apprezzo un pò meno il classico e sarcastico “se ti piace perchè lo guardi?”. Allora il pensiero critico verrebbe totalmente cancellato per creare solo forum di fan-base che si specchiano di complimenti e nessuno può proporre un confronto pacato, serio ed educato. Detto questo, per me parlare in questi termini di TWD è come parlare di una ragazza di cui eri follemente innamorato e ti ha lasciato. Detto questo, io non sto imputando la mancata riuscita della serie che, per inciso, continua a macinare dei numeri impressionanti, sto semplicemente dicendo che la sensazione di angoscia che ti macinava lo stomaco nelle prime due stagioni, quella creata da Frank Darabont (quello de Le Ali della Libertà, non il primo pirla che passa), è andata scemando. Cerchiamo di essere obiettivi e di non scadere nell’ovvietà: TWD ha creato un circolo senza fine e non mi puoi dire di no. Secondo te ha senso una serie infinita il cui motivetto è lo schema che ti ho descritto prima e sapendo che non finirà mai perchè le mammelle vanno munte fino a che non esce più latte? Io vorrei tanto che questi disperati si diano uno scopo, che effettivamente puntino ad un luogo dove vivere sicuro e far ripartire il genere umano, dove debbano anche camminare per 10000 km e due stagioni, ma trovare quel posto dove esiste la cura, dove esista una certezza, dove realmente la serie può andare a parare.. E se dio vuole quando una serie è infinita e ripetitiva, senza un possibile finale e con la reale considerazione che potremmo arrivare alla 23a stagione, si chiama soap opera. Prendete CSI: fino all’ottava stagione, complice il personaggio di Grissom (uno che parlava di fede e scienza, di etica e criminalità, che faceva citazioni filosofiche e profonde), è stata una delle serie più belle e godibili di sempre. Poi il lento declino, siamo alla 15a stagione e, vi capitasse di vederne una di recente, la trama e i dialoghi li potrebbe tranquillamente scrivere mio nipote in quinta elementare: la CBS ci vive ancora di rendita dopo 14 anni a discapito della qualità. E poi la caratterizzazione di Eugene è stata ridicola, attore totalmente monoespressivo, si vedeva lontano un Universo che questo non sapeva nemmeno allacciarsi le scarpe, altro che Washington. Romero non ha bisogno di rosicare, se esiste TWD è anche merito suo, precursore 40 anni fa di un genere che prima di allora non esisteva. Kirkman ha semplicemente rielaborato il genere, dandogli una trama potenzialmente infinita, aggiungendo e togliendo personaggi manco fossimo a Beautiful. Devo essere onesto con te: continuerò a guardare TWD proprio perchè vorrei vedere dove vanno a parare, perchè mi impegna solo 40 minuti alla settimana, perchè sono invasato di serie tv e perchè, nonostante tutto, la caratterizzazione di Andrew Lincoln col personaggio di Rick Grimes resta una delle migliori di tutta la serialità. Ma mi capita sempre più frequentemente di fare altro mentre va la puntata, specie in quelle storyline con Abraham e Rosita o con Glenn e Maggie, che da cazzuti sono diventati una roba indegna. Tornando a Rick ora lui è quello che aveva combattuto fino a poco tempo fa: spietato, senza più un’etica, che per il bene del gruppo uccide un vivo a sangue freddo. Ora lui è Shane. E sia chiaro, questo Rick vince contro il Rick contadino della 3×01. Però, torno a ripetere, ho sempre difeso TWD e l’inizio della quinta è stato clamoroso (Terminus e il massacro nella chiesa), con Washington sembrava di arrivare davvero a qualcosa, ma ora siamo ripartiti da capo. Faremo 3/4 puntate in cui si piangerà Beth, in cui i protagonisti parleranno ANCORA di come sono diventati, di com’è diventato il loro mondo ecc. e poi si ripartirà per un altro posto pensando di trovarci brave persone e incontrando il nuovo supermegacattivo di turno per concluedere col finale di stagione con cliffangerone annesso. Concludendo per me resta sempre una serie godibile, vorrei solo che non allungassero il brodo con puntate filler e dessero uno scopo o una direzione a questa storia, che sembrava si sia infilata in un ricchissimo cul de sac.

  17. Barbino il said:

    L’oste hai ragione, il fumetto è incredibile e non sbaglia un colpo ma la serie TV, purtroppo, è tutta un’altra cosa.
    Continuo a chiedermi perchè hanno dovuto aggiungere questa noiosa quanto inutile parte dell’ospedale, indirizzata principalmente alla morte di Beth altrimenti non ne vedo il senso, quando bastava seguire le linee guida del fumetto ed avremmo avuto una prima metà di stagione molto ma molto più interessante.
    Questo finale a mio avviso è stato piatto e prevedibile, e la scena della morte di Beth veramente insulsa e senza logica, fatta solo per creare tensione e dare un senso al finale della mid-season.
    Ora non ci resta che sperare in un’entrata in scena di Negan e che non vadano a rovinare anche questo personaggio perchè allora sarebbe veramente la fine…

  18. Barbino il said:

    Claudio, approvo in pieno quello che hai scritto.
    Ti faccio notare però che Kirkman ha già un’idea di quando finirà il fumetto e non manca molto, il problema è quando decideranno di far finire la serie televisiva che non ha un minimo di senso di esistere per adesso.

  19. italianicreduloni il said:

    Che hanno approfondito e caratterizzato bene i personaggi,senza stereotiparli

  20. italianicreduloni il said:

    Claudio mi da che hai capito molto poco di TWD. Al centro ci sono le persone non gli zombie. Non é mai stato puro intrattenimento zombesco

  21. Claudio Savoldi il said:

    Ripetete sempre le solite due cose però. L’obiettività per i fan fondamentalisti è impossibile, è come parlare di calcio con uno juventino o di musica con un fan di Vasco. Io ho capito TWD, altrimenti dopo 5 anni non sarei qua a commentarlo, mi sono spiegato più che chiaramente nella discussione con l’utente L’oste. Se allora al centro continuiamo a ritenere ciò, allora TWD è ancora peggio. La serie da il meglio di sè quando ci sono azione e tensione. Se volete serie in cui prevale il dialogo, l’introspezione, la qualità filosofico-spiritual-scientifica delle parole spese, allora guardate True Detective, Breaking Bad, The Affair o The Knick. TWD deve essere azione ed intrattenimento, perchè quando punta sui dialoghi è di una noia mortale. E poi, porca miseria, ma le virgole, le punteggiature… L’uso smodato di punti di sospensione e punti esclamativi: essere un fan significa anche dimenticare la grammatica?

  22. Claudio Savoldi il said:

    Game of Thrones, Breaking Bad, The Knick, The Affair, Lost, Twin Peaks… Se vuoi continuo.

  23. Kiki Audioalarm Crew il said:

    Got e’ la mia preferita in assoluto . Come seconda metto TWD poi metto BB e poi ti metto fringe e The following! 🙂 tranquillo che non guardo solo twd ma conosco bene tante altre serie ….. Ma non mi toccare twd .

  24. Kiki Audioalarm Crew il said:

    Inciso: il rick contadino e’ nella 4×01 non nella 3×01 dove invece assistiamo a una delle più belle puntate dell’ intera serie , con l’ assalto alla prigione . Concordo con te sul discorso di Darabont, la sua perdita e’ stata enorme per twd e per tutta la sceneggiatura della serie stessa . Mazzara ha fatto più danni che altro . Detto questo , a me i dialoghi di twd non annoiano per niente anzi , sono fatti benissimo .ascoltati i dialoghi di una mamma per amica ( la mia ex mi costringeva a guardarlo) e poi mi dici !

  25. Barbino il said:

    scusa italianicreduloni, ma te, in una situazione del genere, con i tuoi amici a 5 metri da te, ormai ce l’hai fatta, è finita, torni a vivere con chi conosci vai a piantare delle forbici nella spalla di chi ti teneva prigioniera?? ma cosa ti aspetti?? che ti ringrazi??

    E’stata una scena tristemente esilarante e programmata veramente male, come ha detto marco potevano risolvere in altri 300 modi e hanno scelto il peggiore e il più stupido…

  26. ariel il said:

    meno male ce ci siete voi che ci aprite la mente….ma come fai a paragonare le altre serie? qui si parla di twd,non di”cazzo è più profonda la ballerina del vicinato del quartiere del rione de maria calzetta…”….e te lo dice una che freme per il ritorno di twin peaks……

  27. nosense il said:

    inizio della terza p untata quando garet fa il discorso “filosofico” sugli orsi che devono sopravvivere e bla bla bla dice che hanno fatto dei segni per ritrovare la strada di casa

  28. ariel il said:

    tanto per la cronaca……frank darabont discreto regista ma i suoi film sono presi dai”racconti” di stephen king……tutti bravi coi lavori degli altri…coff coff kirkman coff

  29. L'oste il said:

    Caro Claudio, per prima cosa non volevo essere sarcastico col mio “ma perchè continui a guardarlo?”. Semplicemente è ciò che farei io, nel caso in cui una serie non mi dovesse soddisfare. Poco tempo fa ho deciso di vedere per la prima volta 2 delle serie più seguite: Breaking Bad e Sons of Anarchy. Mentre BrBa mi ha entusiasmato ed intrigato puntata dopo puntata(tant’è che ho visto le 5 serie in una sola settimana), SOA non mi ha dato nemmeno un piccolo fremito(nonostante nel cast ci sia Ron Perlman, uno dei miei attori preferiti) ed infatti ho visto solo la prima stagione. Questo per dire che non a tutti piacciono le stesse cose e magari là dove io vedo una cosa che entusiasma, magari tu potresti vedere una stupidaggine, o viceversa. Poi volevo correggerti alcune cose. Senza voler fare il fenomeno, ma solo per essere precisi. 1) Rick si “contadinizza ” dalla 4×01, nella 3′ stagione va fuori di testa dopo la morte di Lori. 2) Lo show ancora non può andare a parare da nessuna parte(ma neanch’io mi auguro 15 stagioni!!!), semplicemente perchè Kirkman ancora sta scrivendo il fumetto(di conseguenza lo show non può superare il fumetto, a meno che il buon Robert non decida di dare un termine e quindi un’altra strada al telefilm). Altra parentesi(è come se il film “Il ritorno del Re” fosse stato girato prima che Tolkien scrivesse il libro). 3) Eugene è un povero idiota anche nel fumetto(e devo dire che Josh McDermitt lo caratterizza alla grande), però la sua intelligenza è molto utile al gruppo(nel post Washington). 4) Il primo film sugli zombie(che però ancora non sono proprio dei morti viventi) s’intitola “L’isola degli zombie” con Bela Lugosi del 1932. Il primo che tratta dell’apocalisse zombie e che ispirerà Romero nel ’68 è un certo Richard Matheson col suo libro “Io sono leggenda”. Anche se ci sono stati altri film, prima di Romero, che hanno trattato di morti viventi.
    Con questo voglio dire che Romero non ha inventato nulla. E’ stato ingegnoso nel creare un genere che poi verrà abusato da altri, ma secondo me Kirkman ha dato un senso agli uomini che vivono un’apocalisse zombie. Mentre Romero cercava di criticare la società attraverso i suoi zombie e le caratterizzazioni dei personaggi, Kirkman vuole raccontare come l’essere umano evolve in un mondo devastato, senza più gli agi e le abitudini che un tempo chiamava vita. E ti posso ASSICURARE che nel fumetto quella “sensazione d’angoscia che ti macina lo stomaco” che tu invochi dalla 3′ stagione, è presente pagina dopo pagina. Spero di non essere stato troppo lungo.
    Un saluto!

  30. L'oste il said:

    Infatti intendevo dire di non spalare letame su cose che non si conoscono, solo per alimentare le critiche. Lo show non sarà MAI al livello del comic, però, nella mia consapevolezza, guardo il telefilm senza occhio critico, ma solo per la pura voglia di trascorrere 40 minuti a vedere una storia che si può definire inedita, pur svolgendosi nello stesso mondo del fumetto. Diciamo come se fosse un “What if?”. E credo che coloro che criticano a priori l’opera di Kirkman, non hanno mai sfogliato una pagina del comic. Fatelo, vi dico, poi ne riparleremo!!!!

  31. Stazione Termini il said:

    per me hanno fatto bene a farla crepare con tutto che mi piaceva molto come personaggio, proprio perchè in questo modo serve a dare credibilità alle situazioni

  32. Stazione Termini il said:

    quando saranno tutti morti misà che ste regole te le ficchi tutte su per il deretano xd

  33. Stazione Termini il said:

    per me l’unica cosa brutta della puntata sta nel fatto che nessuno di quei personaggi si è unito al gruppo, li trovavo sicuramente migliori di altri che invece fanno presenza fissa

  34. Stazione Termini il said:

    bè se ci pensi non è così che va la vita? anzi ogni cosa xd
    il bello secondo me è proprio questo, gira tutto intorno alla morte, un’eliminatoria, chi muore, come muore perchè muore ecc… credo sia il cuore della serie se non ti piace il genere è meglio lasciar stare.

  35. Stazione Termini il said:

    se ti metti a guardare una serie tv decidendo tu quali azioni siano sensate o insensate dai rispettivi punti di vista dei personaggi credo sia meglio per te smettere di guardarla specie su una serie com TWD

  36. Stazione Termini il said:

    sasha proprio squallida come nessuno in tutte le stagioni

  37. Stazione Termini il said:

    lo si capiva dal fatto che la gente ormai si va a vedere i vari spoiler e rumors, si fa il film in testa, butta a caso 1 2 ipotesi come a quei quiz come il milionario in cui la gente ne butta sempre a caso 2, per poi andare in giro sul web con il loro ditini convinti di loro stessi ad autoconvincersi che hanno un cervello molto funzionante anzichè gustarsi lo show partendo da 0 spoiler e 0 rumors

  38. Stazione Termini il said:

    si perchè se tu scappi da della gente che ti si vuol pappare ti metti con calma e tranquillità ha scrivere sul legno? trovo difficile trovare una giustificazione a tale scelta che possa soddisfare la sete di logica e “realismo” del classico telespettatore

  39. LaFenice il said:

    Il senso è che anche in walkimg death le regole di tutti i film zombie della storia vengono rispettate. In benvenuti a zombieland che è di fatto una sottile e intelligente parodia dei film zombie il protagonista sopravvive tutti i giorni rispettando quelle regole. Molte spesso in walking death le persone finiscono male proprio perché non hanno rispettato una di queste regole, succede in twd così come succede un ogni film zombie da romero a 28 giorni dopo a stronzate come o nazi zombie…

  40. Civilian il said:

    Come ti hanno già scritto il molti sono perfettamente in linea con il tuo pensiero e mi sto rendendo conto sempre più che da fan-base sto guardando sempre più con occhio critico la serie.
    Tempo fa mi son ritrovata a pensare che forse se concludessero il tutto con una sesta / settima serie sarebbe meglio, in quanto in circolo vizioso dei cattivi in stile Governatore è banale e riduce il pericolo zombie con la conseguente diminuzione della ricerca di una soluzione per il suddetto problema.
    E trovo anche io, per quanto davvero sia innamorata della serie, che le prime due stagioni (non a caso secondo me quelle dove sono presenti Shane e Dale) siano le più belle ed entusiasmanti di tutte quelle fatte fino ad ora.

I commenti sono chiusi.